Seo Copywriting: come scrivere per il web.

Cos’è la scrittura Seo? Perché scrivere Seo? Cosa si intende quando si parla di SERP e perché è così importante? Quali sono i trucchi per scrivere un testo efficace per l’indicizzazione sul web?

Scrittura SEO?

Acronimo di Search Engine Optimization, intendiamo, per scrittura SEO, l’ideazione e la stesura di contenuti di natura testuale studiati non solo per catturare l’interesse del pubblico di utenti del web, ma anche per risultare, in virtù delle proprietà che caratterizzano questa specifica tipologia di elaborati, maggiormente rilevanti, in termini di indicizzazione, all’interno dei vari motori ricerca.

Detto in maniera più semplice possiamo affermare che un buon testo che rispetti le regole fondamentali della scrittura SEO deve innanzitutto essere costruito per sfruttare i parametri degli algoritmi dei motori di ricerca e classificarsi come uno dei primi risultati proposti all’utente.

Perché è così importante la scrittura seo?

Domanda assolutamente lecita, alla quale, a ben vedere, è estremamente semplice fornire una risposta.

I testi, così come per esempio i video clip, non sono che una delle tante forme attraverso le quali si possono confezionare contenuti digitali.

Questi ultimi hanno acquistato un’importanza fondamentale in termini di incremento di condivisione ed indicizzazione all’interno del panorama digitale, parametri che concorrono, ovviamente, ad aumentare la visibilità di un’azienda, di un brand o di un prodotto.

Tuttavia, così come per tutte le altre forme di digital content e digital communication, anche i contenuti di natura testuale devono attenersi ad alcune linee guida fondamentali per calarsi all’interno dell’ecosistema digitale e garantire, al tempo stesso, una risposta efficace in termini di visibilità ed indicizzazione.

Queste linee guida per la buona costruzione del testo digitale sono racchiuse all’interno della definizione di SEO Copywriting.

Tutti insomma possono scrivere su internet, sfruttando le diverse piattaforme di social media come social network e blog, ma, per farlo bene, è necessario costruire un contenuto in grado non solo di intercettare i bisogni degli utenti ed incanalarne l’attenzione, ma anche di conquistarsi una posizione di rilievo all’interno delle proposte offerte, a seguito di una ricerca effettuata dall’utente, dai diversi motori di ricerca.

La scrittura SEO acquisisce un valore strategico enorme in termini di costruzione di una campagna di web marketing.

Corredare qualsiasi piattaforma, sito, profilo o pagina di una sezione dedicata a raccogliere contenuti di natura testuale sviluppati seguendo le regole di formazione della scrittura SEO permette di guadagnare un posto privilegiato tra le proposte di ricerca, grazie al valore che gli algoritmi di indicizzazione riconoscono a questi contenuti, e di intercettare il pubblico fornendo risposte rapide alle query ricercate dagli utenti indirizzandoli verso il nostro sito o piattaforma digitale.

Seo e Serp

Per capire fino in fondo cosa intendiamo quando parliamo di SEO non possiamo non spiegare il significato di un altro termine fondamentale.

Ebbene sì un altro acronimo. SERP o Search Engine Results Pages, ossia nient’altro che l’insieme ordinato per valore di rilevanza decrescente delle pagine offerte da un qualsiasi motore di ricerca una volta inserita all’interno di essi una particolare parola (Keyword) o una particolare domanda (Query).

Nella pratica insomma con il termine SERP si vuole intendere nient’altro che l’elenco di portali, indirizzi e siti che ci vengono offerti dal motore di ricerca dopo aver digitato l’argomento di nostro interesse.

Ciò che però più ci interessa è il funzionamento delle SERP.

Questi enormi database di pagine e portali digitali vengono catalogati, indicizzati e raggruppati, dagli algoritmi dei vari motori di ricerca, in base all’argomento trattato per poi essere ordinati in una sequenza di proposte.

I primi risultati all’interno dell’infinito elenco di offerte presentate dai motori di ricerca sono, generalmente, quelli considerati, dai diversi algoritmi preposti all’indicizzazione, più pertinenti e più rilevanti rispetto alla ricerca effettuata dall’utente.

Riuscire a piazzare il proprio contenuto o il proprio portale fra queste prime proposte si traduce in un guadagno in termini di visibilità assolutamente enorme. La stragrande maggioranza degli utenti del web, infatti, consulta con maggiore attenzione i risultati (generalmente i primi dieci) offerti dalla prima pagina presentata dal motore di ricerca andando raramente a visionare le schermate successive.

Come scalare la classifica Serp?

Chiarita l’importanza di veder indicizzata la propria pagina o il proprio contenuto digitale tra i più rilevanti occorre capire quali siano gli strumenti che ci permettono di scalare questa classifica di risultati proposti dai motori di ricerca.

A venirci incontro in questo obiettivo è il search engine marketing o marketing sui motori di ricerca, ovvero l’insieme di regole, trucchi e strategie che, sfruttando il funzionamento e i parametri considerati rilevanti dagli algoritmi, permettono una completa ottimizzazione della propria pagina web.

Non ci concentreremo qui su tutti i tricks che compongono questa enorme cassetta degli attrezzi per costruire ed aumentare l’efficacia e la visibilità dei contenuti digitali sia per non annoiarvi con un elenco di parametri piuttosto tecnici sia perché essi possono variare moltissimo in base al motore di ricerca utilizzato.

Ci basta sapere che la Search Engine Optimization, ovvero la scrittura SEO, costituisce un fattore chiave per raggiungere un ottimo posizionamento all’interno delle proposte dei motori di ricerca

Quali sono gli obiettivi della scrittura SEO?

Arrivati a questo punto la risposta a questa domanda potrà sembrare banale e facilmente intuibile. Tuttavia, riteniamo importante, al fine di rendere quanto più possibile chiaro ogni aspetto di questo argomento, riassumere brevemente i risultati fondamentali che un buon testo, costruito attraverso strategie di scrittura SEO, dovrebbe raggiungere:

  • VISIBILITÀ
    Raggiungere più utenti possibile, aumentando il flusso di visite della propria pagina web grazie alla pubblicazione di contenuti di natura testuale in grado di rispondere alle query del pubblico di internet in modo chiaro e coinciso.
  • INDICIZZAZIONE
    Strettamente legato all’obiettivo precedente, un buon testo SEO deve essere confezionato seguendo i parametri considerati rilevanti dagli algoritmi. Se il motore di ricerca valuterà il nostro testo come più completo e rilevante, rispetto ad un determinato argomento, avremo ottime possibilità di guadagnarci un posizionamento migliore nella SERP e, come abbiamo già spiegato in precedenza, di conseguenza, più possibilità di intercettare il flusso degli utenti indirizzandone le interazioni verso la nostra pagina.
  • IMPROVE REPUTATION
    Essere indicizzati tra le prime proposte di un motore di ricerca permette di aumentare in maniera direttamente proporzionale anche la credibilità della nostra piattaforma web agli occhi degli utenti. Essere classificati come una delle prime pagine visualizzabili non aumenta solo la nostra visibilità, ma anche la fiducia che il pubblico sarà disposto a concederci. 

 

Le regole per una scrittura SEO

Non ci resta quindi che vedere quante e quali siano queste famigerate regole da seguire per confezionare contenuti testuali costruiti ed ottimizzati per risultare efficaci per il panorama WEB.

Teniamo sempre presente però che quando parliamo di SEO copywriting non intendiamo solo la capacità di organizzare e scrivere un testo, ma anche l’abilità di mettere in pratica diverse skills in grado di corredarlo di contenuti ed elementi di natura differente nonché la capacità di organizzarli in modo da incrementarne l’efficacia in termini di indicizzazione.

UN BUON TITOLO
Partiamo dall’inizio con l’elemento fondamentale per ogni buon testo SEO. Il titolo è il primo elemento principale sul quale porre la nostra attenzione, il motivo è in realtà piuttosto facile da comprendere.
Il titolo è la prima cosa che gli utenti leggeranno del nostro testo. Potremmo dire che esso è un po’ come un biglietto da visita.
Un buon titolo deve riuscire, utilizzando pochissime parole, a catturare l’attenzione dell’utente, invogliandolo a preferire la lettura del nostro contenuto rispetto alle altre proposte presentate dal motore di ricerca. Allo stesso tempo, un titolo ben confezionato, deve anche riassumere il contenuto del testo che l’utente si appresta a leggere. Non dimentichiamoci poi dell’aspetto più importante di tutti ossia l’indicizzazione. Un titolo SEO efficace deve essere in grado di venire “letto” dagli algoritmi del motore di ricerca come fortemente pertinente o rilevante per classificarsi tra le prime scelte da proporre all’utente. Sorge quindi spontanea una domanda: come si scrivono titoli SEO efficaci? Anche in questo caso ci sentiamo di consigliare tre piccoli trucchetti estremamente utile nella redazione di un buon titolo SEO.

LUNGHEZZA
Un buon titolo deve essere breve e sintetico. Generalmente è consigliabile mantenere la lunghezza del titolo compresa tra i 50 ed i 60 caratteri.
Il problema di scrivere un titolo troppo lungo non risiede solo nel rischio di farci risultare, già dal principio, eccessivamente prolissi per il lettore, ma, soprattutto, nella possibilità che il motore di ricerca tagli titoli troppo lunghi, impedendone quindi la completa visualizzazione con conseguenti effetti negativi sull’indicizzazione.

KEYWORD
La parola chiave riassume l’intero argomento attorno al quale rotano sia il titolo sia il testo che lo segue. La parola chiave ha un valore fondamentale e deve essere subito espressa. In questo modo otterremo sia dei vantaggi per l’indicizzazione, inquadrando in maniera precisa l’argomento da noi trattato, sia per quanto riguarda gli utenti, i quali saranno in grado di capire fin da subito e in modo chiaro quali informazioni e argomenti troveranno espressi nel nostro testo se decideranno di procedere con la lettura.

ENGAGEMENT
Come abbiamo già detto un buon titolo deve catturare l’interesse del lettore e, per fare ciò, deve necessariamente stimolarne l’attenzione e l’emotività. 
Per incrementare l’engagement di un titolo si può ricorrere alle CTA (Calls To Action) ossia strategie che, facendo leva sui bisogni del lettore, lo invitano e lo spronano a compiere una determinata azione come, per esempio, cliccare sul nostro titolo per accedere alla nostra pagina 

KEYWORDS 
L’uso di parole chiave, per inquadrare al meglio il contenuto del quale stiamo parlando mettendone a fuoco il contesto, è essenziale per la corretta e completa comprensione del nostro testo da parte dell’utente. Le Keywords sono quindi uno strumento fondamentale da utilizzare non solo nel titolo del nostro articolo, ma anche nello svolgimento di tutto il testo. 

Le Keywords possono rivelarsi utili anche, per noi che scriviamo, per inquadrare meglio la mappa concettuale nella quale suddividere tutti gli aspetti dell’argomento trattato e ad organizzarli secondo uno schema ordinato di paragrafi.

Le Keywords sono elementi fondamentali per l’indicizzazione. Più saranno presenti parole chiave all’interno del nostro testo e più sarà facile che l’algoritmo lo consideri rilevante e pertinente all’interno del suo campo di riferimento.

OPEN LOOPS
La tecnica degli Open Loops o anelli aperti è estremamente utile per mantenere viva la concentrazione del lettore ed invogliarlo a procedere nella lettura del nostro contenuto.
Si tratta fondamentalmente di presentare gli argomenti trattati, in un determinato capitolo del nostro articolo, senza mai esaurirne completamente il contenuto e lasciando qualche aspetto interessante in sospeso da approfondire nei paragrafi successivi. In questo modo il lettore avrà sempre una valida ragione per non abbandonare la lettura del nostro contenuto e sarà invogliato a seguire  con attenzione ciò che abbiamo scritto per lui.

CARICA EMOZIONALE
Fare leva sulle emozioni e l’emotività dell’utente è un ottimo modo per mantenerlo legato al nostro contenuto. Il nostro testo deve essere informativo ed interessante senza però correre il rischio di annoiare chi sta leggendo. Per fare ciò occorre utilizzare un linguaggio emozionale capace di stabilire un legame emotivo con l’utente.

LONG FORM CONTENT
Contrariamente a quanto si potrebbe pensare i motori di ricerca oggi tendono a preferire i contenuti di natura testuale che possiedono una forma estesa, argomentata ed esaustiva, considerandoli più completi rispetto a quelli dalla forma più breve. Il consiglio quindi che sentiamo dare è quello di non preoccuparsi troppo della sintesi e di prendersi tutto il tempo e lo spazio necessari per presentare al meglio il contenuto del proprio testo.

Giusto per farci un’idea su cosa si intenda normalmente per long form content, possiamo dire che un testo ricada in questa categoria quando composto da un numero di parole compreso tra le 1500 e le 2000. Ovviamente ciò non significa che sia necessario attenersi a questo parametro in maniera ferrea. Dobbiamo sempre prima di tutto confrontarci con ciò che stiamo scrivendo. Se ci accorgiamo che l’argomento da esprimere nel nostro testo non necessita di una spiegazione così esaustiva oppure che ampliando troppo il nostro elaborato si finisca col renderlo eccessivamente prolisso per il lettore è meglio accontentarsi di una lunghezza inferiore.

LESS IS BETTER
Rifacendoci a quanto accennato nel punto precedente possiamo aggiungere che il lavoro del copywriter è un lavoro non solo di scrittura, ma anche di scrematura. Dobbiamo stare molto attenti quando volgiamo scrivere un testo SEO a non diventare eccessivamente verbosi, per questo motivo è utile selezionare bene i termini da utilizzare cercando di costruire periodi non eccessivamente articolati.

ELENCHI PUNTATI
L’uso di elenchi puntati è estremamente utile per sviluppare un testo SEO. Questo strumento ci permette di organizzare i nostri contenuti in modo ordinato rendendone la lettura estremamente più chiara. Facilitare la fruizione del nostro testo è uno degli obiettivi prioritari che dobbiamo raggiungere se vogliamo che il nostro lettore segua ciò che stiamo scrivendo fino alla fine.

DIRETTO E COMPRENSIBILE
Utilizzare un linguaggio diretto e colloquiale spesso aiuta a rendere il proprio testo facilmente comprensibile ad ogni categoria di utente. Attenzione non stiamo dicendo di rinunciare completamente all’uso di una terminologia tecnica o specialistica, anzi, quando l’occasione lo richiede è necessario ricorrere all’uso di termini più complessi, soprattutto perché spesso sono proprio questi ultimi le Keyword del nostro testo. 

Tuttavia è consigliabile adottare un approccio alla scrittura reader friendly ed utilizzare uno stile meno elaborato ed impostato possibile.

SINERGIA E TRANSMEDIALITÀ
L’utilizzo di immagini, video, musiche e colori aiuta a stimolare l’attenzione sia psichica che emotiva del lettore. 

Costruire un contenuto testuale in grado di riunire in maniera sinergica tutte le forme espressive possibili costituisce un ottimo vantaggio anche per l’indicizzazione. 

Gli algoritmi, infatti, tendono a premiare, considerandoli più completi, quei contenuti che riescono a sfruttare la collaborazione sinergica di più strumenti, funzioni e piattaforme.

Tradotto in parole più semplici più link, immagini, video, musiche, suoni, interviste, podcast riuscirai a far convergere nel tuo testo più aumenteranno le probabilità che esso conquisti una posizione privilegiata all’interno della SERP. 

Prenota la tua valutazione

Mpr è il miglior investimento per la tua crescita.
Richiedi subito una consulenza gratuita: compila il modulo e sarai ricontattato in pochissimo tempo!​

Compila il modulo con i dati richiesti per essere ricontattato da un Consulente Mpr. L’invio del modulo compilato è senza impegno e ti consentirà di ricevere una consulenza gratuita e personalizzata sui tuoi obiettivi.
Valuteremo insieme la tua attuale strategia, il sito web, il blog, le campagne attive e quelle passate (se esistono!), in modo tale da poterti fornire un’analisi preliminare delle reali potenzialità, valutare i costi e delineare il R.O.I. previsto.

Cerca di fornire quante più informazioni possibili. Inserisci una descrizione del tuo progetto, il tuo sito web, il target di riferimento, i tuoi obiettivi di business e i tuoi concorrenti (quelli che reputi interessanti).

Al resto pensiamo noi!


    Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la Privacy Policy

     

     

    Iscriviti a Share What's New! Ogni mese aggiornamenti su tendenze e case history dal mondo della comunicazione, report e indagini di mercato esclusivi, realizzati da Mrp Research, e la nostra rassegna dei contenuti più interessanti dal web per rimanere aggiornato sui trend del Digital.

    * Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali secondo la Privacy Policy

    Pin It on Pinterest