Udite Udite: è uscito il mio Libro, NICE TO BRAND YOU!

Io non ti conosco, io non so chi sei, diceva Mina, “la Tigre di Cremona”.
Non so se siete maghi delle tecnologie applicate alla comunicazione o se invece chiamate la segretaria per accendere il computer.
Non so se amate la comunicazione o se invece pensate che sia roba da saltimbanchi.
So però che la vostra vita dipende da ciò che raccontate. E che la vita delle vostre aziende dipende da ciò che raccontate e da come lo raccontate ai vostri clienti.

Nice To Brand You, il libro che ho scritto con la collaborazione di Riccardo Bresciani, parla proprio di questo. ll libro è edito da Franco Angeli e potete trovarlo online e in libreria dal 28 gennaio.

Mpr Tips #11 – perchè leggere Nice To Brand You

Il 49% dei contenuti postati sui social sono giudicati dal pubblico completamente irrilevanti, e solo per il 14% affidabili. Per l’86% che resta, è un bel problema. Oggi la comunicazione, soprattutto sui social, deve rispettare le regole della narrazione, non della pubblicità.Vuoi approfondire questi temi?👉 Guarda il video e scopri Nice To Brand You, il nuovo libro di Roberto Rondinelli sui Meccanismi della Persuasione.#Mpr #NiceToBrandYou

Pubblicato da Mpr Comunicazione Integrata su Martedì 5 marzo 2019

 

 

I meccanismi della persuasione

Nice to Brand You è un libro sulla comunicazione che nasce da una ricerca dell’Università di Bologna sui meccanismi della persuasione, finanziata da Mpr Comunicazione Integrata.

Perchè i meccanismi della persuasione sono l’unica e vera materia prima di chiunque, come noi, si occupi di comunicazione. 

La ricerca si è sviluppata attraverso centinaia di ore d’intervista ai più importanti player del mondo della comunicazione, imprenditori e direttori marketing di importanti brand, alcuni dei quali nostri clienti. Abbiamo plasmato le loro testimonianze con la nostra esperienza, costruita in 30 anni di lavoro.

Nike_Find_Your_Greatness_Diver_hd_1600Nike – Immagine della campagna Find Your Greatness

Nice To Brand You è un libro che cerca di parlare di ciò che non si trova su internet.
In tempi di sbornia da tecnologia, si parla spesso dei canali della comunicazione digitale, come i Social, Google, le App per gli smarthphone, ecc.
I contenitori però, senza un contenuto non hanno nessun valore. Sono infatti i contenuti che, attraverso un buon utilizzo della tecnologia, determinano il successo delle strategie di comunicazione.

Ed è sempre stato così. Quando ci soffermiamo su un determinato canale tv, lo facciamo perché siamo interessati al programma che viene trasmesso su quel canale.
Allo stesso modo, il problema non è aprire ed utilizzare un canale social, ma la funzione che vogliamo che abbia, quali obbiettivi ci diamo, come vogliamo che contribuisca al posizionamento del nostro brand.

In una battuta sola: quale idea vogliamo che le persone abbiano del nostro brand dopo aver frequentato i nostri social.

E soprattutto: “Come pensiamo che tutto questo ci aiuterà a vendere di più?”.

Nonostante tutti parlino di storytelling sono pochissimi quelli che riescono a metterlo in pratica veramente. Oggi si vedono post più o meno intelligenti, più o meno creativi, più o meno ricchi di informazioni.

Provate a farvi questa domanda: prendendo gli ultimi 50 post che avete pubblicato, che racconto si evince della vostra azienda? Forse è stilisticamente coerente. Ma è avvincente? È sorprendente? È convincente? Il vostro storytelling lascia un segno nella memoria del vostro pubblico? Cioè ha tutte quelle caratteristiche per cui ciascuno di noi si sofferma davvero su un contenuto?

In un mondo in cui ogni giorno siamo sottoposti a circa 5000 “stimoli pubblicitari”, l’unica cosa che possiamo fare per non perdere l’attenzione del nostro pubblico è far nascere un’emozione vera.
L’emozione serve a fissare il ricordo. 

 

Mulino Bianco

Mulino Bianco – La celebre campagna con Antionio Banderas e la gallina Rosita

 

La vostra comunicazione è davvero efficace?

Contenuti, storytelling, marketing delle emozioni sono solo alcune delle tematiche che troverete in Nice To Brand You. In questo libro c’è questo e molto altro. È un libro che prova a dare risposte e che forse vi porterà a farvi delle domande sulla vostra attuale comunicazione. Troverete anche molte indicazioni pratiche, ad esempio due test di autoanalisi che potrete utilizzare per verificare il potenziale di efficacia della vostra comunicazione.

Al suo interno un racconto fatto di nomi, di storie e di brand come Mad Men, Nike, House of Cards, Facebook, Bauman, Netflix, Stranger Things, Apple e Steve Jobs, Hello Kitty, Coca Cola, Mulino Bianco. E i Beatles. E Mina. E tanti (ma tanti) altri ‘top player’. Per raccontare che la comunicazione più efficace non vuole vendere, vuole che TU decida di acquistare.

'La Comunicazione non vuole vendere, vuole che TU decida di acquistare.' - @rob_rondinelli Condividi il Tweet

Gli addetti ai lavori si divertiranno a scoprire nuovi aneddoti e contenuti inediti sui brand, mentre i neofiti si innamoreranno dei prodotti che li circondano. In questo libro non viene raccontato solo il bello del branding, ma anche ciò che può mettere in crisi, ciò che è necessario cambiare per uscire dagli stereotipi.

Spero che troverete interessante leggere Nice To Brand You perlomeno quanto è stato divertente e impegnativo per me scriverlo. 

Potete trovare il libro in vendita online o in libreria.

Buona lettura!

Roberto Rondinelli
Founder & Ceo Mpr Comunicazione Integrata

ROBERTO-rondinelli

Iscriviti a Share What's New! Ogni mese aggiornamenti su tendenze e case history dal mondo della comunicazione, report e indagini di mercato esclusivi, realizzati da Mrp Research, e la nostra rassegna dei contenuti più interessanti dal web per rimanere aggiornato sui trend del Digital.

* Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali secondo la Privacy Policy

Pin It on Pinterest